6. Matteo Bianchi

Matteo Bianchi, classe 1987, si è laureato in Lettere Moderne a Ferrara. Oggi si sta perfezionando in Filologia moderna e contemporanea presso la Magistrale di Ca’ Foscari a Venezia. Qui ha collaborato come guida presso la Peggy Guggenheim Collection e ha lavorato come allestitore e figurante per l’atelier Venetia della stilista Antonia Sautter alle edizioni del Ballo del Doge 2010, 2011 e 2012: foto che lo ritraggono sono state pubblicate nel book A party in Venice, del fotografo Hein Van Maasdijk. È caporedattore delle Edizioni Kolibris, si occupa di ufficio stampa e collabora anche con “GeaArt”, “Red Magazine”, “SITI – Unesco World Heritage Sites Journal”, “L’arrivista” (Limina Mentis, Monza) e online con  Poesia 2.0  e Tellusfolio. Ha pubblicato le raccolte Fischi di merlo (Edizioni del Leone 2011, Premio Turoldo ’11, Premio Rabelais ’11) e Poesie in bicicletta (Este Edition 2007, Premio Lascito Niccolini ’10). Ha inoltre ottenuto buoni risultati in vari concorsi letterari per l’inedito – a livello nazionale – vincendo le edizioni del Premio Caput Gauri ’09 e ’06. Suoi testi, dalle liriche alle interviste, alle argomentazioni critiche, sono apparsi in varie antologie edite da Kairòs, LietoColle e Giulio Perrone Editore, sui quotidiani “il Resto del Carlino”, e “Corriere delle Alpi”, in periodici cartacei quali “Il Segnale”, “Secondo Tempo”, “Letteraria” di Alegre, “Poesia” di Crocetti e sull’italo-svizzero “Bloc notes”, e litblog, tra cui Poetarum Silva, La poesia e lo spirito e AbsolutePoetry.  Cura le rubriche di poesia inedito zero, sul quotidiano “la Nuova Ferrara”, La Città dei Silenzi, sull”Annuario di Tellus”, e il portale Italian Poets con Chiara De Luca. Gianmarco Busetto ha interpretato sue poesie nell’audio-raccolta in versi Con altra voce. Ventiquattro poesie. È tra i curatori di In gran segreto 2012, rassegna annuale di poesia contemporanea a Ferrara e dal 2009 presiede l’Associazione Culturale Gruppo del Tasso. Con Anna Ruotolo coordina il lit-blog Corrente Improvvisa e cura la rubrica Poesie al telefono di Radio Bocconi, emittente dell’università milanese.

 

 Spero tutti i poeti impegneranno almeno un’occasione a scrivere per gli altri e non di loro.

 Provino a condurre per mano i riflessi degli occhi altrui con loro: i dubbi, gli spassi e le aspirazioni;

e rendere  così gli scaffali, i comò, i nostri spazi minuti, scorciatoie e raccontini di letture azzardate,

meno ridotti e più accoglienti.

Annunci

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Trackback: I giovin/astri di Kolibris tornano a volare « I giovin/astri di Kolibris

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: